archivio news

 

 
     
 
 
 
18 novembre 2001
 
 
07gennaio 2002
 
     
     
 
progetto
promosso da:
 
   
   
   
 
 
 
 
   
 
 
 
laboratori
espressivi
in occasione della mostra di Alberto Burri
 
La Mostra di Alberto Burri è un'occasione speciale per la città e per la scuola. Gli eventi culturali che utilizzano un linguaggio intelligente e poetico sono sempre, per l'educazione e i cittadini, generatori di sviluppo e apprendimento; alcune volte, come per la Mostra di Burri, diventano particolarmente significativi per avvicinare insegnanti e ragazzi ai processi artistici.

Il Comune di Reggio Emilia, tramite i Musei Civici, in collaborazione con Reggio Children
e ReMida, sta proponendo un percorso educativo rivolto agli insegnanti, ai bambini e ai
ragazzi delle scuole materne, elementari e medie.
Il progetto, elaborato e curato da consulenti di Reggio Children, si svolge parallelamente a due livelli, con tempi diversi e indipendenti: uno più lungo e approfondito che si sta realizzando con alcune classi all'interno delle scuole, l'altro più breve in un laboratorio allestito nei locali accanto alla Mostra. Entrambi rivolti a bambini delle scuole materne, dell'infanzia, elementari e ai ragazzi delle scuole medie.

Quello che abbiamo proposto è stato un lavoro preliminare alla visita alla Mostra, sia con gli insegnanti che con i bambini e i ragazzi, attraverso incontri e laboratori anticipatori alla Mostra, in modo da promuovere uno sguardo alle opere di Burri più consapevole e incisivo ed una crescita personale maggiore.

Il nostro intento è evitare la simulazione formale delle opere di Burri, che di fatto risulterebbe un tradimento del suo lavoro. Intendiamo offrire ai bambini, ai ragazzi e agli insegnanti soprattutto delle occasioni di esplorazione e possibilità di approccio con i materiali. Occasioni suggerite da alcuni aspetti delle opere di Burri e capaci di entrare in dialogo con i bambini e i ragazzi.
Crediamo che il laboratorio realizzato precedentemente la visita alla Mostra possa facilitare una attenzione più consapevole verso le opere del Maestro e soprattutto essere un'opportunità interessante per indagare in modo nuovo e approfondito alcuni aspetti della realtà che ci circonda.
Ribadiamo ancora una volta come la scuola, nell'accoglienza e nel dialogo con importanti eventi della vita culturale della città, possa trovare occasioni di nuovi arricchimenti ed esperienze culturali.